Il laboratorio Sguardi sui Generis nasce all'Università di Torino nel 2010 con l'intento di costituire uno spazio di discussione e crescita sulle questioni di genere. Un contenitore aperto, dunque, che si pone il duplice obiettivo di approfondire la formazione teorica e di favorire, al contempo, l'affermazione di una soggettività collettiva capace di confrontarsi e intervenire sulle problematiche di genere più attuali.

lunedì 14 aprile 2014

Come un cuore grande il cielo...Ciao Anna

Non abbiamo parole per esprimere il dolore e la rabbia per la perdita di Anna, sentiamo più che mai nostro quanto scrivono le compagne e i compagni del CSOA Gabrio. Anna siamo tutte noi ed è per questo che lottiamo contro chi tenta di strumentalizzarci per fare squallida campagna antiabortista, perché di aborto non si muoia né qui né altrove, perché la maternità o la non maternità siano sempre delle libere scelte! Come un cuore grande il cielo...ciao Anna


                                               Anna siamo tutte noi

“Torino, donna muore dopo l’aborto con la pillola”, La Stampa, 11 aprile 2014
“Aborto, muore in ospedale dopo aver usato la RU486”, Repubblica, 11 aprile 2014
“Morta dopo l’aborto farmacologico anche il ministero apre un’inchiesta”, La Stampa, 12 aprile 2014

Torino, una donna di 36 anni muore in ospedale dopo aver effettuato un’interruzione di gravidanza. I quotidiani hanno le idee chiare. C’è aria di scoop, inizia la giostra.
Eh già, perché non solo è morta di aborto (dato ancora da verificare, dal momento non ci sono gli esiti dell’autopsia), ma di aborto farmacologico e si tratterebbe del primo caso in Italia, uno dei pochi nel mondo.

domenica 13 aprile 2014

Diana Pornoterrorista a Torino: appuntamenti e spot radio

Il 18 e il 19 Aprile Diana Pornoterrorista concluderà il proprio tour italiano facendo tappa a Torino.
Le occasioni per incontrarla e conoscerla saranno distribuiti su entrambi i giorni, ecco un riepilogo per non perdersi nessun appuntamento!

Venerdì 18 aprile
ore 21.30 @ Radio Blackout (via Cecchi 21/a): presentazione dell'edizione italiana del libro "Pornoterrorismo" assieme all'autrice Diana J. Torres

Sabato 19 aprile
- ore 15 @ Circolo Maurice (via Stampatori 10): workshop teorico sull'eiaculazione femminile.
(Richiesta iscrizione via mail a pornoterrorismoitalia@gmail.com. Costo 4 euro). A seguire aperitivo benefit!

- ore 22 @ csoa Gabrio (via Millio 42): performance pornoterrorista (ingresso con sottoscrizione a 5 euro)

venerdì 4 aprile 2014

Guerra all’eteropatriarcato. Welcome to Italy, Diana Pornoterrorista!

Il mio corpo, il mio corpo, IL MIO CORPO.
Dove io comando, stronzi!
Transfrontiera – Diana J. Torres

Finalmente ci siamo! Siamo liete di annunciare che dal 9 al 19 aprile partirà un tour che toccherà diverse città italiane e che vedrà Diana J. Torres presentare il suo primo libro dal titolo “Pornoterrorismo”.
Si tratta di un testo essenziale della lotta del femminismo pro-sex e per l'assunzione della sessualità e del corpo come territori da decolonizzare dalla repressione patriarcale, ecclesiastica e capitalistica.
E' stato pubblicato con successo in Spagna, Francia, Messico e ora anche in Italia grazie alla casa editrice Malatempora.

La realizzazione di questo tour è stata resa possibile grazie a tutte e tutti coloro i quali hanno sostenuto il progetto di autofinanziamento dal basso che nello scorso mese è stato lanciato sul Verkami.
Le città che verranno attraversate da quella che si rivelerà una vera e propria calamità naturale sono Palermo, Napoli, Roma, Bologna, Genova, Milano, Rho e Torino.
A questo link trovate le info città per città con luoghi, orari, attività, contatti e tutto quello che c’è da sapere su dove e come si svolgerà il tour.

sabato 8 marzo 2014

8 MARZO, #AUTODETERMINATE IN LOTTA!

L'8 Marzo per noi non è mai stata una ricorrenza ma un'occasione per ripensare le lotte del passato e trarne nuova forza per i conflitti in corso. La lotta per l'autodeterminazione delle donne non è un vezzo della memoria ma un campo di battaglia su cui oggi più che mai è in corso uno scontro.

Le politiche di austerity trovano efficacia anche nel frammentare il corpo sociale isolando tante più ricette quante più identità si possono trovare. In altre parole la crisi non è neutra e ha una sfaccettatura particolare per ognun* di noi. C'è una crisi che vede solo chi è migrante, una crisi che vede solo chi lavora nel terziario, un'altra per chi lavora nella sanità e un'altra ancora per le donne. Attaccare questa visione vuol dire agire un'immediata ricomposizione del tessuto sociale a partire dalle lotte.

In molte piazze d'Europa oggi la parola d'ordine è #autodeterminazione, una parola da pensare in relazione alle possibilità materiali di scelta. Nell'Europa della crisi non tutte abbiamo le stesse possibilità di acceso ai servizi e dunque non tutte possiamo scegliere su noi stesse allo stesso modo. Questo concretamente vuol dire poter avere accesso gratuito e sicuro all'aborto piuttosto che avere una copertura sanitaria degna, o ancora la possibilità di interrogarsi sul proprio corpo e la propria sessualità in maniera informata e consapevole. Ma vuol dire anche poter scegliere il proprio lavoro, i propri partners ma soprattutto poter stabilire i tempi della propria vita.

lunedì 3 marzo 2014

8 marzo - una giornata di lotta per l'autodeterminazione!

Si avvicina l'8 marzo e anche quest'anno le donne No Tav partecipano attivamente scendendo in piazza per fare di questa data una giornata che parli di lotta e autodeterminazione.
Di seguito pubblichiamo il loro comunicato e rilanciamo l'appuntamento per la manifestazione di Torino: ci vediamo alle 14.30 in piazza Vittorio!

Anche quest’anno portiamo il nostro contributo alla giornata dell’otto marzo, storica data che ci ricorda il prezzo che le donne pagano  quando diventano protagoniste della loro vita e attive nelle lotte sociali.

In quell’otto marzo degli inizi del novecento, un centinaio di operaie bruciarono all’interno di una fabbrica occupata: chiedevano migliori condizioni di lavoro, diritti.

A più di cento anni di storia molte cose abbiamo cambiato provando ad uscire dallo schema madre-sposa e conquistandoci sempre più spazi, in quanto persone con una propria testa e propri desideri.
Riteniamo inaccettabili il tentativo di modificare la legge 194 che regolamenta l’aborto, la mafia degli obiettori, la difficoltà di accesso alla procreazione assistita.
Così come consideriamo un attacco all’autodeterminazione delle donne anche la mancanza assoluta di sostegno economico e servizi a quelle che scelgono di avere figli, la mercificazione della sessualità , l’impossibilità di scegliere la propria sessualità fuori dai modelli culturali imposti , il femminicidio…

Tutto questo è la conseguenza di un sistema che si impone con l’autoritarismo e la violenza.

La nostra ventennale lotta al progetto-rapina del Tav ci ha portato ad avere maggiore consapevolezza dell’importanza del nostro impegno sociale. Una responsabilità verso noi stesse, ma anche verso le generazioni future alle quali non vogliamo lasciare né debiti né scempi.

Siamo state molto colpite dalle testimonianze di altre donne come noi che vivono il loro impegno per la difesa del territorio, ma che oggi sono costrette a raccontare dei loro tumori al seno o all’utero, dei bambini che si ammalano di leucemie e di una terra una volta fertile che ormai produce solo più veleno.

mercoledì 19 febbraio 2014

01/03 Sguardi Sui Generis & Maurice GLBTQ presentano: Apocalittica...è arrivata la fine dei tempi!

Sabato 1 Marzo Sguardi Sui Generis & Maurice GLBTQ presentano una serata di fine Carnevale da non perdere!

APOCALITTICA: 
è arrivata la fine dei tempi... ed è frocissima!

Dalle ore 22 presso il centro sociale Askatasuna di Torino 
(corso Regina 47):

* Drag Show di Saturnia Galattica ed Espressioni Vaganti

* Proiezioni di video queer-porno-zombie tra cui L.A. Zombie di Bruce LaBruce

* Dj Setting di Ira Queer, Skokkiatello & Elettrosciocchine all nite long!

Come to the drag side... nessuno ci può moderare!



giovedì 6 febbraio 2014

Siamo tutte No Tav: Chiara libera subito!

Dallo scorso 9 dicembre quattro No Tav si trovano rinchiusi in carcere con l'accusa di attentato con finalità terroristiche in riferimento ad un attacco portato al cantiere di Chiomonte nel mese di maggio. 
Tra di loro Chiara, trasferita pochi giorni fa dal carcere torinese delle Vallette a quello romano di Rebibbia, sottoposta ormai da settimane al regime di isolamento. Chiara, assieme a migliaia di altri No Tav, è colpevole di non arrendersi all'arroganza di chi cerca di imporre con ogni mezzo un'opera inutile ed insensata quale il Tav, pretendendo di calpestare una valle intera e la resistenza di un movimento ormai ventennale in nome del profitto. Di fronte all'ormai evidente accanimento giudiziario scatenato contro chi, al grido No Tav, ha scelto di immaginare e costruire assieme un futuro diverso, non possiamo che stringerci attorno a Chiara ed esprimerle il nostro massimo sostegno in queste difficili settimane, consapevoli di lottare dalla parte del giusto.
Sappiamo bene quanto la solidarietà sia l'arma migliore che il movimento No Tav ha sempre messo in campo di fronte al moltiplicarsi di arresti, denunce e intimidazioni susseguitisi negli ultimi anni. Per questo invitiamo tutti e tutte a non lasciare sola Chiara durante la sua reclusione, con l'augurio di rivederla libera al più presto.

Per scriverle:
Chiara Zenobi
Casa Circondariale Rebibbia
via Bartolo Longo, 92
00156 Roma

Di seguito pubblichiamo una sua bella lettera diffusa da diversi siti nei giorni scorsi.

...sempre in alto i cuori No Tav: Chiara libera, liber* tutt*!


lunedì 3 febbraio 2014

Cosa può un corpo di donna

Ripubblichiamo, dal sito commonware.org, questo scritto di Simona De Simoni, come riflessione che condividiamo sull'attacco del governo spagnolo all'autodeterminazione delle donne in tema di maternità e aborto, e sulla tematica più in generale.


Lo stretto controllo e la sollecitudine eccessiva di cui questa società dà prova nei confronti delle donne non esprime altro che la sua preoccupazione di riprodursi in modo identico, e di padroneggiare la propria perpetuazione.
Tiqqun, Elementi per una teoria della Jeune-Fille


Il 20 dicembre il governo spagnolo ha approvato una legge fortemente restrittiva in materia di aborto (Ley Orgánica de Protección de los Derechos del Concebido y de la Mujer Embarazada) che ora attende l'approvazione del parlamento iberico per entrare effettivamente in vigore. Nel frattempo, donne e uomini spagnoli – ampiamente appoggiati da espressioni di solidarietà transnazionali – si sono mobilitate/i per interrompere il corso del provvedimento e mettersi al riparo da una legge che, con buona probabilità, sarebbe da annoverare tra le peggiori della recente storia spagnola ed europea. Per questa ragione, nelle ultime settimane, si è tornati a parlare di aborto con una certa insistenza. Tuttavia, la questione non (ri)spunta dal nulla e da tempo si è abituati a convivere con una sorta di “rumore bianco”, un attacco continuo, insistente e violento a quel “meta-diritto” che è la possibilità di scegliere. In Italia, in modo particolare, il lamento macabro dei cosiddetti pro-life è stato accolto e assecondato dalle istituzioni di ogni orientamento e colore trasformandosi in normative regionali che, di fatto, cercano di trasformare i consultori in luoghi di persecuzione. Più in generale, si può registrare un forte incremento di retoriche reazionarie e integraliste su scala europea che giocano gran parte della loro battaglia politica sul corpo delle donne e sulla definizione della sessualità. Dunque, tenendo conto del grado di generalità della questione, si possono formulare alcune ipotesi di lettura politica del recente attacco spagnolo al diritto di aborto con l'obiettivo di entrare in risonanza con i tanti contro-canti della crisi che, sempre più numerosi, emergono da ogni dove.

giovedì 30 gennaio 2014

1 Febbraio, Yo Decido! Al fianco delle donne spagnole per il diritto all'aborto

YO DECIDO - DECIDO IO
AL FIANCO DELLE DONNE SPAGNOLE
PER UN ABORTO LIBERO E SICURO

SABATO 1 FEBBRAIO ORE 15
SOTTO IL CONSOLATO SPAGNOLO IN PIAZZA CASTELLO A TORINO
INIZIATIVA DI SOLIDARIETA' E CONTROINFORMAZIONE
(PRESIDIO E VOLANTINAGGIO)

Collettivi Femministi, Associazioni di Donne e Singole di Torino
Al fianco delle Donne Spagnole
Per l'Autodeterminazione

IL PRIMO FEBBRAIO, AL FIANCO DELLE DONNE SPAGNOLE
PER UN ABORTO LIBERO E SICURO!

In questi giorni il nemico dichiarato del governo spagnolo sembrano essere le donne, con un progetto di legge antiaborto significativamente denominata “Legge organica di protezione dei diritti del Concepito e della Donna in gravidanza” che, vista la maggioranza di cui gode il Partito Popolare, sembra destinato a riportare indietro le lancette del tempo.
Dall'essere un diritto, come nella legge Zapatero del 2010, l’aborto torna ad essere reato, sebbene depenalizzato, e consentito in due sole circostanze, in caso di violenza sessuale o se sussistono gravi rischi per la salute fisica o psicologica della donna. In tutti gli altri casi, sarà vietato per legge, con l'ovvia e terribile conseguenza di un ritorno agli aborti clandestini. La legge, che fa carta straccia della precedente, si presenta dunque ancor più restrittiva di quella in vigore dal’85 al 2010, di cui in parte ricalca l’impianto.
I gravi rischi devono essere certificati e motivati da due specialisti diversi dal medico che eseguirà l’interruzione di gravidanza. Nel primo caso il termine scade alla dodicesima settimana, e solo se la violenza è stata denunciata, mentre nel secondo il limite è fissato a ventidue settimane. Le motivazioni dovranno essere valutate da specialisti della patologia, dopo di che la donna sarà costretta ad attendere altri setti giorni prima di una decisione definitiva, che altri avranno preso per lei.

giovedì 23 gennaio 2014

Nessuno spazio agli antiabortisti, né all'università né altrove!

Nella giornata di domani, 24 gennaio, il Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Torino ospiterà un incontro dal titolo “L’inizio della vita, luci ed ombre”, presentato come “convegno scientifico”. Se il titolo si presenta già di per sé piuttosto ambiguo, basta dare un rapido sguardo alle associazioni che promuovono l’iniziativa per comprendere che – a dispetto della sede in cui si terrà l’incontro - si tratterà di un convegno che di scientifico ha ben poco.

Il principale organizzatore è infatti Federvita Piemonte, una sigla che raccoglie sotto di sé diverse associazioni cosiddette “pro-life”, un movimento di fondamentalisti cattolici che fa della crociata contro l’aborto la propria missione.

A coronare l’iniziativa c’è poi il patrocinio della Regione Piemonte, un fatto che purtroppo poco ci stupisce dal momento che – a partire dal suo insediamento a capo della giunta – il governatore Cota si è sempre speso con grande e dichiarato impegno per fornire supporto alle associazioni anti-abortiste, tentando con ogni mezzo di permettere ai volontari di gruppi come il “movimento per la vita” di entrare nei consultori e negli ospedali.